Partner ufficiale di

Le tue prenotazioni da confermare

Riepilogo delle prenotazioni da confermare

Nessun prodotto nel carrello.

Transazione sicura al 100% !
0,00

Camilla Verdacchi

Roma veloce e sotterranea

A tutti noi romani, qualche volta, è capitato di invidiare le reti di trasporto metropolitano di altre capitali e città all’Estero, senza che questo facesse venir meno la nostalgia per l’antichità e la preziosità dei tesori di cui è piena la nostra città.

La maggior parte di noi abitanti della Capitale sogna di potersi spostare “underground” con leggerezza e rapidità, magari abitando in un quartiere ricco di verde, lontano dal traffico, ma dal quale poter raggiungere il centro in un battibaleno, aggiungendo quel pizzico di modernità alle imponenti testimonianze della Storia che ci circondano.

Tuttavia, è necessario affermare che la sola presenza di una rete di trasporto sotterraneo, qui nella Città Eterna, ha rappresentato una conquista non indifferente, un salto verso il futuro che gli ingegneri, i tecnici e le maestranze che vi hanno lavorato hanno ottenuto risolvendo problemi apparentemente insormontabili che la maggior parte delle altre Capitali non ha.

Anni ’40, la linea B vive uno dei momenti più delicati della sua costruzione: il passaggio tra il Colosseo e l’Arco di Costantino.

A Roma la metropolitana arriva ufficialmente nel 1955, e per l’esattezza il 9 febbraio di quell’anno.
Alle 10.15 di quella mattina, il primo treno di quella che oggi chiamiamo “Linea B” muove da Stazione Termini per raggiungere l’EUR.
Una curiosità: a bordo del treno inaugurale, tra le autorità che accompagnano il Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, vi è anche il Ministro dei Trasporti del tempo, Bernardo Mattarella, padre del nostro attuale Presidente.

Una rarissima foto dell’inaugurazione della Metropolitana di Roma, il 9 febbraio 1955.

Il viaggio inaugurale verso l’Eur non rappresenta una scelta casuale: la rete di trasporti sotterranea, infatti, viene concepita negli anni ’30 proprio per collegare la Stazione Termini al sito dell’Esposizione Universale E42, che poi non potè avere luogo a causa del sopraggiungere degli eventi della Seconda Guerra Mondiale.
Naturalmente, per il medesimo motivo anche i lavori di costruzione della Metropolitana si interrompono, per riprendere dopo un decennio.

Dopo la guerra riprende l’alacre lavoro delle maestranze per dare alla Città la sua prima rete di trasporto sotterranea, e questa immagine dà l’idea di quale fosse il contesto in cui i lavori si svolsero.

Roma, nella complessità delle stratificazioni che si sono succedute per ventisette secoli, è una città vulnerabile.
L’idea di far passare dei convogli sotto siti come il Colosseo o il Circo Massimo ha presentato sin dagli albori del progetto problematiche molto complesse, e naturalmente la continua probabilità di impreviste e avvincenti scoperte archeologiche.

Una foto che dà la misura esatta delle situazioni delicate in cui le imprese che lavorano alla metropolitana della Capitale possono trovarsi
Ecco ciò che si è presentato agli occhi delle maestranze che lavoravano alla fermata Amba Aradam, in zona San Giovanni

In questo contesto, già di per se complesso, bisogna considerare che, fin dai primi anni, la rete fu dotata di convogli in grado di raggiungere agevolmente i 100 km orari i quali, dotati di confortevoli e morbidi sedili in pelle verde, si evidenziavano per la loro modernità, se rapportati a quelli in dotazione ad altre metropolitane contemporanee.

Uno dei primi convogli di cui fu dotata la Metropolitana di Roma

Dopo l’inagurazione del 1955, lo sviluppo della rete di trasporto sotterraneo continua negli anni successivi, con diversi progetti riguardanti la linea che dal Quartiere Prati porta a Cinecittà, attraverso l’intersezione di Termini.

In occasione del Mondiale di Calcio del 1990, la linea B viene ammodernata e prolungata fino a Rebibbia.

Una mappa attuale della Metropolitana di Roma, che comprende anche (tratteggiato in verde) quello che dovrebbe essere il futuro percorso della Linea C, la cui realizzazione, tuttavia, non sembra possa essere completata in tempi brevi.

Nel prosieguo degli anni ’90, dopo il prolungamento della linea B, viene messa mano anche alla linea A, che viene estesa fino all’attuale capolinea occidentale di Battistini.

E qui la Storia ci porta quasi ai giorni nostri.
Il sogno di una Roma veloce è sempre vivo, anche se i tempi di realizzazione – se rapportati a quelli di altre città europee – risultano giocoforza rallentati non solo dai continui ritrovamenti archeologici, ma anche dal portato burocratico che ognuno di essi inevitabilmente comporta.

Quando, infatti, una ditta al lavoro sulla linea si trova di fronte a una nuova scoperta archeologica, la legge la obbliga a fermare i lavori per permettere l’intervento degli enti per la conservazione dei beni culturali, e ciò, inevitabilmente, finisce per allungare i tempi di realizzazione in modo indefinibile.
Siamo in una città che non ha eguali nel mondo, e tutto ciò fa parte del suo destino.

La nuova stazione di San Giovanni, inaugurata nell’Aprile del 2017, si è trasformata in un vero e proprio museo, grazie agli inestimabili ritrovamenti intervenuti nel corso degli scavi della linea C
Antiche anfore esposte alla Stazione Museo di San Giovanni

Nelle more del progetto di creazione delle linee C e D, le indagini archeologiche che il progetto stesso comporta continuano a riservare quotidiane sorprese.
Basti pensare a Piazza Venezia, dove da anni si cerca di creare un’agognata stazione, ma dove anche le viscere della terra continuano a restituire ogni tipo di preziosità dei secoli e millenni passati.
Lo stesso dicasi per Via dei Fori Imperiali.
E le criticità non si fermano ai soli siti archeologici!

Mentre i progetti, in una loro prima stesura, prendevano in considerazione un passaggio della linea sotto l’alveo del Tevere, recentemente è stato scoperto che circa sessanta metri sotto il fiume storico capitolino scorre un secondo fiume sotterraneo, misterioso e dai flussi abbondanti, e questo ha obbligato i progettisti ad accantonare definitivamente il tratto sub-fluviale, mentre all’Università Roma Tre sono in corso studi per fare di questo generoso corso d’acqua una fonte energetica in grado di portare riscaldamento da fonti naturali nelle case dei romani.

E’ recentissima l’inaugurazione del primo breve tratto della linea C, con le sue futuristiche vetture.

Tante, dunque, sono le conquiste già fatte per dotare questa città di una rete di trasporti equiparabile a quelle delle più moderne capitali, anche se – obiettivamente parlando – tutte le situazioni sopracitate inducono a pensare che una copertura capillare della città potrà, forse, essere vista dai nipoti dei nostri nipoti.

Ma questo non ci spaventa e non ci sorprende: a Roma tutto si valuta con l’unità di misura dei millenni.

Condividi via

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su skype
Condividi su telegram

Roma ti appassiona? Come ti capisco...
Perchè non esplori i tour che ho preparato per Te?

Alcune recensioni di persone che ho avuto il piacere di guidare nei miei tour

Daniela L.
Daniela L.
Il tour che volevo
Leggi Tutto
Il tour del Colosseo, Foro e Palatino che volevo fare da tanto tempo. Camilla è stata una scelta perfetta. Preparata, cordiale, paziente con le mie moltissime domande. La consiglierò ai miei amici. Grazie Camilla!
Fabio T.
Fabio T.
Interessanti le Piazze di Roma
Leggi Tutto
Io e mia moglie abbiamo fatto con Camilla il tour delle Piazze di Roma. Sebbene all'inizio fossi un po' scettico e avessi preso questo tour su suggerimento di mia moglie, devo dire che si è rivelato spettacolare, e che Camilla è stata una guida semplicemente fantastica.
Gianna B.
Gianna B.
Esplorazione del Vaticano da ricordare
Leggi Tutto
Avevo sempre cercato di immaginare che cosa ci fosse dietro le porte del Vaticano. Questo tour mi ha finalmente fatto conoscere una realtà che da tutta la vita mi incuriosiva.
Roberto R.
Roberto R.
Roma in un giorno
Leggi Tutto
Senza affaticarci abbiamo potuto vedere in una sola giornata tutti i più famosi scorci di Roma, riconoscendo anche molti luoghi visti nei grandi film del cinema italiano. Una giornata che suggerirei di fare a chiunque vada a Roma.
Cristina C.
Cristina C.
Foro e Palatino
Leggi Tutto
Il Colosseo lo conosciamo tutti, ma forse conosciamo meno il Foro Romano e il Palatino. Camilla ha un modo perfetto di farti "viaggiare" nella Roma Imperiale, tra dati storici, curiosità, segreti... Una giornata non solo splendida, ma anche utile, molto utile!
Luigi Z.
Luigi Z.
Da insegnante vi dico: andateci.
Leggi Tutto
Ho insegnato per tutta la vita Storia e Lettere nelle scuole superiori, e pensavo che un tour come quello del Colosseo fosse in grado di dirmi poco, e infatti lo avevo organizzato più che altro per mia moglie e mia figlia. In realtà, questa guida ha saputo illuminare alcuni aspetti della vita dei cittadini dell'Urbe romana che mi erano del tutto ignoti. Su Roma non si sa mai abbastanza.
Emma G.
Emma G.
La Cappella Sistina è un'emozione incredibile
Leggi Tutto
Prima di fare questo tour del Vaticano sapevo che la Cappella Sistina è una delle opere d'arte più importanti e famose del mondo, ma mai avrei immaginato l'emozione che entrare in quel luogo mi ha provocato. Non ci sono parole per descriverla. Grazie Camilla, per la tua guida sapiente e completa.
Mara K.
Mara K.
Che bello il tour delle piazze!
Leggi Tutto
Quando pensiamo alle piazze di Roma immaginiamo sempre quelle più famose, come Piazza di Spagna o Piazza Navona. Ma chi non è di Roma, come me, spesso non sospetta neanche quanto possano essere belle molte altre piazze di questa città incredibile! Vi consiglio di fare questo tour con la signora Verdacchi, non ve ne pentirete!
Precedente
Successivo

Vuoi inviarmi la tua recensione?

Se hai fatto un tour con me e vuoi far conoscere le tue impressioni, invia la tua recensione.

it_ITITA